5.3.12

Pane e amore.

Dopo i nove mesi con la pancia in attesa di Edoardo, durante i quali mi rendo conto solo ora di aver seriamente ridotto le mie energie e la mia capacità di autonomia, come è giusto che sia, mi sembra adesso di camminare un palmo da terra, da quanto mi sento leggera. 


Così, finalmente, sabato mattina sono riuscita ad andare al Mercato della Terra, in borsa un barattolino di vetro pulito e vuoto, per procacciarmi la pasta madre. Mi era così dispiaciuto non poter partecipare al Pasta Madre Day e ho ammirato Gloria per averne organizzato uno, lei che prepara anche i krafen con la pasta madre


Dopo che la mia vecchia amica era sparita dalla faccia della terra ero sempre lì indecisa se prepararla, perchè è un pò che ho di nuovo voglia di panificare in questo modo, per me quasi magico. 


Ma poi c'è lo splendido lavoro di spaccio, grazie a Riccardo, che mi son detta che avrei approfittato e così è stato. Infatti recandomi presso il punto di incontro mi è stata donata gentilmente una pallina di impasto lievitante e ora lei è con noi in casa, già duplicata, il pane che lievita, che verrà però cotto nel mio forno casalingo e non in quello a legna come quelle meravigliose e profumate pagnotte di sabato, ma se mi organizzo, chissà, prossimamente ci vado anche io, devo però ricordarmi di prenotare


E mentre impastavo il pane Edoardo passava il tempo con la sua ultima scoperta divertente: catturare lembi del lenzuolo per passarselo sopra il viso, chiacchierando, o forse cantando, a modo suo.


Splendida settimana a tutti voi.

22 commenti:

  1. che occhioni splendidi! pura vita! buona settimana

    RispondiElimina
  2. Eh già, è magia tutto questo. Sfornare del pane fatto con la pasta madre e, ancora di più, "sfornare" un bambino, che è unico al mondo... E tu hai fatto tutte e due :)

    RispondiElimina
  3. che bella sei, la tua faccia parla di soddisfazione come le tue parole! (che lui, loro, lo sai)

    RispondiElimina
  4. Ciao Ester!
    Il tuo post cade proprio a fagiolo, io sono alle prime armi con la mia pasta madre. Tanta era la voglia di riuscire ad autoprodurla che adesso che ci sono riuscita...mi intimorisce! Ho paura di distruggerla, sbagliando qualche passaggio, così come l'ho creata. Nei giorni scorsi ho fatto la mia prima ricetta e ne sono molto soddisfatta, a breve ne farò un post per condividere, ma tant'è che non sono ancora tranquilla. Ad esempio, ho letto il tuo vecchio post sulla pasta madre che hai linkato anche qui e, ad esempio, quando dicevi che per fare il pane una volta rinfrescata, la raddoppi di nuovo, significa che ci metti pari quantità di farina? Acqua?
    Grazie per la serenità che trasmettete tu e tutta la tua famiglia, per me è sempre un piacere leggere i tuoi post, qualunque argomento tratti mi fa molto piacere leggerlo. Grazie ancora!
    Nadia

    RispondiElimina
  5. Con questo racconto di vita mi hai fatto assaporare profumi nuovi.. Meravigliosi!! E' da tempo che penso alla pasta madre e sono sempre più convinta, soprattutto dopo questo post! Buona settimana a voi!!
    LaVally

    RispondiElimina
  6. La primavera mi riaccende la voglia di pasta madre, come l'anno scorso e mi è dispiaciuto che sia finita male :(
    Adesso ho voglia di riprovare, anche a farla da sola!
    Il profumo del pane che cuoce nel forno non ha prezzo!!!
    Un bacio ai tuoi tre fagioli, a quegli occhioni spalancati sul mondo!

    RispondiElimina
  7. Che sguardo splendido ha il tuo piccolo!:-) La pasta madre...per un anno l'ho accudita e ho panificato spesso, poi durante il trasloco non ero più riuscita a starle dietro...ma prima o poi ci riprovo!

    RispondiElimina
  8. l'ultima foto è meravigliosa!!!
    io panifico e "krafeneggio" solo con il LDB in cubetto, ma ho imparato a fare il tuo panesenzaimpasto con pochissimo ldb e mi viene sempre benissimo! grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
  9. Complimenti per l'impegno a usare la pasta madre, più esigente e meno autonoma di tre figli insieme secondo me. Buon appetito. La foto di Edoardo col lenzuolo mi ha tolto il fiato per quanto è bello, felice e gioioso.

    RispondiElimina
  10. meraviglioso bimbo! bravissima....io sono in fase down, ma ricordo perfettamente la sensazione di sentirsi così pienamente appagate, ricche, forti, quasi invincibili e onnipotenti

    RispondiElimina
  11. ma che occhioni curiosi!
    La mia pasta madre ha compiuto 1 anno e ogni volta che la vedo crescere mi sembra davvero una magia! :-)
    Buona settimana!

    RispondiElimina
  12. Ricordo che poco dopo nato Davide improvvisamente provai un forte desiderio di panificare. Intorno ai suoi due-tre mesi sfornavo pagnotte almeno due volte a settimana...
    che c'entri qualcosa tutto questo con il senso di maternità??? :-)

    Oh, il piccolo Edo è bellissimo!!!
    ha degli occhioni dolcissimi!

    RispondiElimina
  13. Ma nemmeno a dirlo... parlavo l'altro giorno con delle amiche di questa possibilità di cuocere il proprio pane nel forno a legna. Ne avevo letto da qualche parte ma non ricordavo dove. Ed eccoti con il tuo link!
    Ho già mandato a tutte una mail con i riferimenti, chissà che non si riesca a Trento, da qualche parte, a fare una cosa simile!
    Grazie!

    RispondiElimina
  14. come è meraviglioso!!
    mi sembra che somigli tanto ai suoi due eroi piu' grandi!

    RispondiElimina
  15. oddio, ester, l'ultima foto toglie il fiato da tanto è bella!! ♥♥♥

    RispondiElimina
  16. Ma quanto è bello il piccolino.

    RispondiElimina
  17. QUESTA è LA STAGIONE IN CUI L'ESSENZA E' VERITA' E GLI OCCHI VEDONO IL TUTTO...

    RispondiElimina
  18. Che stupende immagini, siete bellissimi!

    RispondiElimina
  19. Ho sognato a lungo di fare la pasta madre, ma non ci sono mai riuscita. Dovrei trovare qualcuno che me ne dà un pezzetto!
    Edoardo è bellissimo, complimenti! E tu sei raggiante!

    RispondiElimina
  20. Cosa non darei per venire anche io a cuocere il pane al Mercato della Terra!!!
    Chissà, magari prima o poi mi organizzo davvero...
    :)

    RispondiElimina
  21. l'ultima foto è meravigliosa !!!

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.