30.1.09

Fatto in casa.

Buon venerdì a tutti voi, scrivo oggi di un'esperimento straordinario che ho potuto effettuare in casa mia, con le mie mani e con i preziosi suggerimenti di ComidaDeMama (raccolti a sua volta dal libro La cucina del Medioriente e del Nord Africa di Claudia Roden).
Prima ho letto il suo post e poi mi sono cimentata nel seguire i suoi consigli su come poter trasformare il latte, che tutti i giovedì compro al mercatino biologico locale, in un gustosissimo yogurt e in saporito labna (leggi formaggio molle fresco). Nel mio immaginario il formaggio si compra e basta, che sia al supermercato, al mercato o dal contadino, nel mio immaginario il formaggio è difficile da fare, è solo per mani esperte e per addetti ai lavori, inoltre, sempre nel mio immaginario, per fare il formaggio servono molti utensili particolari e a volte materie prime poco reperibili da profani come me, poi leggo il post di ComidaDeMama e penso che quello che mi mostra è geniale. Non serve energia elettrica, non servono attrezzi strani o termometri particolari, solo latte e qualche ora di attesa...

yougurt

Ho iniziato con lo yogurt. Serve solo un thermos, latte della stessa quantità che può contenere il thermos e yogurt bianco, né dolce, né con frutta e con i fermenti lattici vivi dentro (ormai tutti i più comuni yogurt bianchi hanno queste caratteristiche).
Ho fatto bollire il latte, nel mio caso intero biologico, per circa 2 min, l'ho fatto raffreddare fino a che raggiunge la temperatura per cui tu puoi tenere un dito dentro per almeno dieci secondi (questa parte mi è piaciuta dato che non serve il termometro ed è stato divertente provare varie volte, togliendo il dito dopo circa 4 secondi...e capendo che non era ancora il momento giusto). Poi si elimina la patina bianca che si forma in superficie, si mescola un po' di latte con circa 3-4 cucchiai di yogurt, si unisce al resto del latte e si versa nel thermos, lasciando a riposo ben chiuso per 8 ore (se lo tieni più a lungo tendo ad assumere un sapore più acido). Tutto qui, lo apri e hai un delizioso yogurt bianco cremoso che puoi condire a piacere, con frutta o zucchero o con quel che vuoi. Sano, nessun spreco di energia, buonissimo.
Sono andata avanti così per circa una settimana di fila, con i bambini che tutti i giorni tra merenda e colazione ne finivano una produzione al giorno, lo preparavo la sera verso le undici o mezzanotte e lo aprivo la mattina pronto per essere gustato (diciamo che dopo 4 giorni lo yougurt andrebbe riprodotto, ma nel mio caso i 4 giorni non arrivavano mai). Invece che lo zucchero normale, a loro piace quello aromatizzato alla vaniglia, questo lo preparo mettendo in un barattolo a chiusura ermetica semplice zucchero bianco (o di canna se preferite) e aggiungendo una stecca di vaniglia.
Dopo i primi giorni di yogurt ho voluto provare anche a produrre il formaggio molle.
Labna.

labna

Semplicissimo anche questo, ho utilizzato lo yogurt di cui abbiamo parlato fin'ora, ho aggiunto sale a piacere, poi l'ho versato in una stoffa di lino bianco, meglio sarebbe una garza a rete fitta o proprio quelle adatte per i formaggi, oppure in un setaccio fine, lo lasci scolare per otto ore e il gioco è fatto, poi aggiungi spezie, olio o quel che vuoi... formaggio cremoso, dal sapore un po' acidulo che ricorda lo yogurt appunto, da gustare sulla propria tavola e preparato da mani inesperte come le mie...

labna 365#16


Ancora adesso non ci credo!
Rimanendo per un pò nello stupore e nella meraviglia vi auguro buon weekend, miei cari, chissà che anche a voi non venga l'ispirazione di provare a fare yogurt e formaggio in casa!

17 commenti:

  1. sulla labna mi devo ancora cimentare, ma spero di farlo presto. Queste sperimentazioni casalinghe danno una soddisfazione, lo si capisce anche dal tuo post :-)

    RispondiElimina
  2. Sono felice che ti abbia dato tanta soddisfazione. Alle cene il labna manca è sempre poco, piace molto e sono feice che tu condivida.
    Scrivimi il tuo indirizzo di casa via email, per favore. il mio è elena(punto)chesta(chiocciola)gmail(punto) com

    RispondiElimina
  3. Ciao Ester,
    mio marito è libanese, e anch'io, i primi anni di matrimonio, mi sono cimentata con il labna (che noi chiamiamo lebnè). Grazie per averne parlato, perchè mi hai ricordato che è una vita che non lo faccio! E' ottimo con un filo d'olio e come crema in cui intingere le verdure tagliate a bastoncino (carote, sedano, finocchi). Mia suocera lo utilizza molto per farcirci le sue fantastiche tartines (panini di pane arabo farciti).

    RispondiElimina
  4. che bello avere un marito libanese! vengo a vedere se posti per caso qualche stupenda ricetta.

    nella traduzione italiana del libro della Roden hanno scritto labna, chedi che ci sia stato un errore o è una delle declinazioni mediorientali di questo nome?

    RispondiElimina
  5. ma che brava!
    yogurt e formaggio di casa.
    fantastico.
    sei un mito.
    vado a vedere il blog di comidademama, mi hai incuriosita troppo.
    un bacione

    RispondiElimina
  6. questa ricetta l'avevo vista su comidademama che mi hai fatto conoscere tu in un altro post, io prima usavo delle bustine di fermenti che compravo nei negozi verdi, le quali richiedevano lo stesso procedimento. Ne ho ancora una, ricominceró con quella, mi hai fatto venir voglia anche se qui a Lima é difficile trovare il latte fresco, sembra di essere in Spagna. E il tuo formaggio allo yogurth si vede buonissimo, lo prepareró come suggerisce Laura.

    RispondiElimina
  7. Mi sono accorta di aver scritto male. In realtà questo formaggio allo yoghurt noi lo chiamiamo labnè (non lebnè). Riguardo alla trascrizione, quella più usata dei ristoranti libanesi in cui sono andata (sia in Libano che in Inghilterra) è labne.
    Forse "labna" è la variante di qualche altro paese, ma barif (non so).

    RispondiElimina
  8. Hi Ester, you won the socks on my giveaway, can you email me (my email is in my blog profile) rainingsheepatyahoodotcom, with your mailing address.

    RispondiElimina
  9. Mi viene voglia di provare. :)

    Protesto però contro la nuova intestazione: troppo invitante. E io sono a dieta.

    RispondiElimina
  10. Quando ho letto la tua ricetta non nascondo di essere stata un pò titubante. Così sabato sera ci ho provato. Il risultato? Un successone!!!!!!!! Continuerò a farlo ogni weekend. E lo raccomanda a tutte le mie amiche. Ti ringrazio quindi per la dritta!
    Ragazze, provateci. E' favoloso!!!!

    RispondiElimina
  11. cara Ester,
    fra un pò parte un corso sulla caseificazione che sto organizzando.
    Insegnerò a fare il formaggio primosale, la ricotta, il formaggio da conservare e far stagionare e le mozzarelle...
    E' semplicissimo... ci vuole solo pochissima calma e pazienza.
    Ti avviso quando inizio a postare qualche immagine.
    A presto
    Anna

    RispondiElimina
  12. cara anna,
    che bello!!!!
    non vedo l'ora!!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Ciao! ho ritrovato questo post come dire...un po' datato, però mi stavo esercitando nella preparazione del formaggio fatto incasa, una curiosità, il Labna deve scolare 8 ore in frigo o fuori dal frigo? grazie, un bacio ai bimbi.
    Maria

    RispondiElimina
  14. E´un sacco che voglio provare...sono titubante perchè io non sono un'amante del latte e nemmeno dello yogurt acidello, , ma devo dire che il tuo post mi ha convinta..del resto i miei bimbi ne mangiano una gran quantità....Ti saprò dire!

    RispondiElimina
  15. testato, buonissimo e ti ho tirata in mezzo in una piccola iniziativa culinaria-blogghettara, se ti va di passare a vedere! Ciao, Vale

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.