7.9.15

Si riparte ma non sono pronta

Mi piace prendermela calma.
Dopo tante corse, con la lingua di fuori, corse per lo più contro me stessa, mi concedo di perdere la gara.

estate relax felicita


Arrivo ma senza la necessità di essere la prima.


In questo momento di inizio settembre, quando tutto riparte, apparentemente alla velocità della luce, mi concedo di rimanere indietro sulla tabella di marcia che solitamente seguo a ritmo sostenuto.

Significa letteralmente:
*lavare gli zaini della scuola dei più grandi esattamente due giorni prima l'inizio ufficiale tanto atteso
*ritrovarmi ad oggi senza il grembiule per il piccolo e il mezzano (quest'anno li cucirò io, proprio per essere arrivata troppo lunga)
*non aver organizzato nessun tipo di merenda per la grande che inizia domani e che da quest'anno non l'avrà condivisa in classe
*avere ancora una parte della valigia da disfare
*non ho seguito letteralmente i compiti estivi dei miei figli e qualcosa è rimasto indietro, ma amen
*non ho scaricato ancora le ultime foto delle vacanze
*altre varie ed eventuali

Come vedete non sono per niente preoccupata, sto imparando a non esserlo, combattendo la tendenza alla perfezione, che poi in realtà non esiste, ma verso la quale sembrava dovessi correre di gran lena.

Ovviamente ho impiegato il mio tempo in altro modo come 
*stare con un'amica arrivata da lontanissimo
*dedicarmi a piccole rifiniture della mia casa, come battiscopa, muri e finestre
*cenare con amici
*registrare video durante i quali mi diverto da impazzire
*cercare lavoro (anche se non ho ancora visto risultati concreti)

estate divertimento

Voi vi sentite in pari? Lo siete davvero? O semplicemente vivete?




Seguimi anche su



8 commenti:

  1. Si vive, alcuni giorni con più lentezza, altre volte come dentro un frullatore. Io cerco di rallentare, ma poi a volte capita tutto insieme: io prendo un impegno in un tranquilllissimo pomeriggio libero da tutto e a seguire arrivano: mail per riunione della scuola del grande, mail per riunione dell'asilo del piccolo e magari cambio turni al lavoro, e qui parte il frullatore a velocità "turbo". Ma ditemi... capita solo a me?

    RispondiElimina
  2. Ti stimo e ti ammiro e condivido in pieno, ma non so se ce la posso fare...
    Mi impegnerò! Ci impegneremo! ;-)

    RispondiElimina
  3. colei che vince7 settembre 2015 19:01

    io sono ammirata dalla tua gioia di vivere...hai una famiglia meravigliosa tuo marito è bravissimo....ovvio le donne rendono migliori gli uomini...ma come si sta bene con te ...è una fortuna averti incontrata ...

    RispondiElimina
  4. La tua energia e' meravigliosa e no, qui non siamo a pari ma si vive!!!

    RispondiElimina
  5. Cara Amica
    generalmente io sono indietro. Quest'anno miracolosamente mi sento in pari, ma non perché abbia fatto chissà che, forse, semplicemente, le vacanze sono state davvero tali, al contrario di quanto accaduto negli ultimi sei anni, e così riesco a occuparmi delle cose in misura umana. Noi non abbiamo grembiuli, non abbiamo zaini da lavare, non abbiamo compiti. Sarà per questo che le poche cose da organizzare sono state organizzate. Per il resto mi concedo qualche effetto sorpresa sul fronte bambini, concentrata molto su me e le mie attività di quest'anno, credo di meritarmi questa attenzione.
    In bocca al lupo per la ricerca di lavoro! <3

    RispondiElimina
  6. Con la bimba di 15 giorni e il "grande" di due anni e mezzo, in questo momento noi puntiamo alla semplice sopravvivenza :D

    RispondiElimina
  7. Cosa ne pensi se ti dico che io devo ancora ordinare i libri di scuola per mio figlio (comincia lunedì) e non mi sono affatto interessata per l'acquisto della macchina fotografica per mia figlia che fa il Liceo Artistico e quest'anno inizia i laboratori di fotografia (e lei comincia dopodomani?). Ma perchè affannarsi, tanto alla fine si fa tutto!!!
    Bacioni e continua divertirti con i video che ci divertiamo anche noi!!!
    Francesca

    RispondiElimina
  8. Vivo, viviamo.....senza pensare di avere una gara da vincere, ma semplicemente una vita da assaporare. Anche io attualmente disoccupata o precaria senza certezze, è lo stesso.Tornerò domani a casa dopo due mesi di puro vagabondaggio, in parte con bimba e marito, in parte con bimba e basta. Avrò le valigie da disfare, una casa che ormai non ricordo più e tutto da preparare per la scuola che inizia lunedì....senza neanche sapere cosa preparare :)
    Ma non importa, abbiamo il cuore pieno di famiglia, amici, semplicemente di persone, volti e sorrisi incontrati nel nostro girovagare....siamo pieni di mare, vento, sale, tramonti, albe e libertà....anche quella di non sentirsi pronti.

    Un abbraccio
    Ilaria

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.