8.4.14

Ecco perchè non uso le salviette umidificate

salviette umidificate fai da te

Voi usate le salviette umidificate? Io generalmente no

Dopo aver spiegato perchè non uso i rotoloni di carta, provo a dirvi perchè non uso le salviette rinfrescanti o similari, cercando di limitare l'uso al minimo indispensabile, in particolare quando servono ai miei figli. 
Ovviamente anche in questo caso cerco di tenere lontano ogni estremismo e ciò significa che possono esserci delle eccezioni, sia portate incontro da altri che scelte personalmente, ma in linea generale è un prodotto che non acquisto e non uso.

Oltre ad un motivo economico e dal solito bisogno indotto, che in quanto tale mi porta istintivamente e caparbiamente a starci lontana, soprattutto prevale la motivazione legata al benessere e alla salute. Parto sempre dal presupposto che molti dei prodotti che sono un sostituto di quello che già esiste in natura, presentati belli, pronti e funzionali, possano avere un risvolto negativo per la nostra salute. 

Lo so, sono diffidente per natura.

salviette umidificate fai da te

In questo caso è il liquido in cui sono imbevute le salviette che mi crea dubbi e sospetti, spesso composto da derivati del petrolio e da profumi. Considerando che vengono venduti in particolare nel reparto infanzia accanto ai pannolini, io sono sempre stata molto attenta alla loro composizione
In generale sono confezionati in materiale cartaceo o similare, acqua, glicerina, agenti umidificanti, conservanti (uno dei più comuni il fenossietanolo) e profumi.

I parabeni, sempre loro, questi conosciuti, sappiamo che possono interferire negativamente con il sistema endocrino, in particolare se l'uso coinvolge i bambini piccoli, ancor più da zero ai tre anni, tanto che viene consigliato di diminuire il loro utilizzo in particolare alle figure professionali degli asili nido, ai genitori e alle baby sitter. Queste sostanze possono essere assorbite facilmente dalla pelle in particolare se il prodotto non è risciacquato, con un assorbimento fino all'80%, ma anche per via orale, se le salviette vengono utilizzare per pulire la bocca o le mani dei nostri bambini.

Inoltre in particolari i conservanti e i profumi possono essere causa di reazione allergica, una dermatite da contatto, soprattutto se utilizzati sulla pelle delicata delle parti intime del bambino.

Ma come sostituisco questo prodotto

Come posso ovviare alla sua praticità, in particolare quando si è fuori, con i bambini al parco, in viaggio o comunque in tutte quelle situazioni dove non si ha a disposizione l'acqua corrente


salviette umidificate fai da te
salviette umidificate fai da te

Io utilizzo delle salviette in cotone, riciclate da un vecchio asciugamano, della misura di circa di circa 15x15 cm. Queste sono sempre in giro per casa e mi vengono in aiuto in varie situazioni, vicino al fasciatoio, come fazzoletto di emergenza e similari. Mi sono accanto anche per l'utilizzo fuori casa semplicemente ne inumidisco un paio e le conservo in una bustina di plastica. 

Ecco fatto.
Sono sufficienti per pulire il culetto di mio figlio e farlo sentire fresco e a posto.
Invece se ne servono in abbondanza, preparo un prodotto che duri più a lungo, utilizzando le stesse pezze di cotone e conservandole in una scatolina, sempre in plastica, a chiusura a scatto, ovviamente non totalmente ermetica, ma che funziona egregiamente per questo utilizzo. In questo caso imbevo il cotone in una soluzione che mi permette di conservarle, piegate a metà e una sull'altra nella scatolina, per qualche giorno.

Ingredienti
una tazza di infuso di camomilla
un cucchiaino di olio di mandorle
2-3 gocce di olio di tea tree
2-3 gocce di olio di lavanda

In questo modo so che posso avere un prodotto semplice, di veloce utilizzo ma assolutamente innocuo per i miei bambini, gli oli essenziali mi garantiscono una leggera azione conservante e battericida del prodotto, ma senza compromettere la loro salute.
E soprattutto sono efficaci per grandi e bambini.


salviette umidificate fai da te

Voi avete mai provato a sostituire le salviette umidificate confezionate con le vostre fai da te?
Avete altre idee da suggerire?



Seguimi anche su

11 commenti:

  1. Anch'io sono sempre stata scettica nei confronti di questo prodotto, come dici tu, spesso e volentieri, inutile (vedo tuttora bambini di 9 anni che si puliscono mani e faccia con le salviettine, quando nel nostro parco giochi c'è una bella e funzionante fontanella!). Col secondo figlio poi l'esigenza delle salviettine è quasi scomparsa, ricordo di averne acquistati 2 pacchi grandi, da 70 o giù di lì, alla nascita e sono arrivata ad oggi (bimbo di 5 anni) alla metà del secondo pacco, ora naturalmente, essendo completamente asciutte, le devo pure ribagnare...
    Anch'io mi portavo degli asciugamani, però non direttamente bagnati, quando cambiavo mio figlio cercavo sempre di farlo in un bagno, anche se pubblico, dove l'acqua non manca. Spesso e volentieri ho usato anche fazzoletti di carta bagnati, in mancanza dell'asciugamano.
    A casa una pulita sommaria con la carta igienica (quella purtroppo non riesco ad eliminarla, però ne usiamo poca) e una lavata, anche con semplice acqua. Con la pipì semplicemente una passata d'acqua... Non sono mai riuscita a comprendere l'uso delle salviettine a casa.
    Mio figlio è nato con la pelle delicatissima (rosso-biondo di capelli) quindi la dermatite era sempre in agguato, ma eliminando quasi del tutto le salviettine ed eliminando gli u&g, noi solo lavabili, ha avuto molti meno problemi del grande, con il quale, ahimè, non sono stata così attenta (soprattutto perchè non conoscevo i lavabili...).

    Buona giornata,
    Reby.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io quando posso cerco di usare acqua corrente e per il sederino solo acqua, in ogni caso, sapone credo di averlo usato 10 volte. LA sua pelle per il momento non ha mai avuto problemi ;)

      Elimina
  2. Ti giuro non ci avevo mai pensato ma mi hai fatto venire in mente che ho asciugamani di cotone che non uso per casa ma che non butto perchè fanno parte del "corredo" che mi è stato preparato...non li userò mai perchè hanno dei colori orrendi. Ora ho trovato come usarli :) Sei una fonte inesauribile di idee, grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si, io ho decine di queste pezze piccoline, che tengo in un sacchetto in bagno, vicino al cambio e le uso quotidianamente ;) proprio quegli asciugamani usati e vecchi, che non saprei come altro usare :)

      Elimina
  3. moooolto interessante... io ne ho acquistate in occasione di viaggi e spostamenti importanti, normalmente le ho evitate (parlo al passato perché il nanetto più piccolo ha ormai 5 anni!). Ma proverò la tua "ricetta" per le prossime uscite, nei parchi dove so di non trovare le fontane... grazie ^_^

    RispondiElimina
  4. infatti nel post parlo di non volere estremismi e anche io in casi estremi ne tengo un pacchetto in borsa, solo che l'ultima volta alla fine aveva profumato tutto l'interno e si sono asciugate tutte le salviette perchè non le usavo mai :)

    RispondiElimina
  5. io per la prima volta 10 annifa usai le pezze di cotone di ikea con i gancetti coloratie no nle ho più mollate....
    uso le salviette solo in casi eccezionali anche perchè la mia ricciola è allergica siriempie di sfoghi quando uso le salviette usa e getta quindi...... come te ester per il breve periodo le imbevoin acqua e metto in una busta per alimenti di plastica oinun contenitore con coperchio...... ....
    per impregnare le salviette non usavo il tee tree ma solo camomilla, proverò la mia priossima cucciola con il tee tree.
    adesso dagli asciugamani vecchi magari macchiati irrimediabilmente ricavo pezze e tengo in borsa ..difatti le mie borse sono valigie orami.
    tovaglioli e pezze fai da te no mancano mai da noi!!
    ciao ester e buon inizio settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti il problema delle reazioni allergiche è il
      principale, e ho provato il senso di fastidio su me stessa quando le ho usate per pulirmi il viso, inizialmente mi sentivo fresca e pulita ma subito dopo un sottile senso di bruciore rimaneva fino a che non mi sciacquavo con acqua. Ecco provo ad immaginare sulla pelle delicatissima dei neonati o bambini in generale... Anche io ho quelle ikea, ma poi ho trovato che riciclare vecchi asciugamani aveva lo stesso meraviglioso effetto :) grazie di commentare sempre e lasciare qui la tua testimonianza :)

      Elimina
    2. Ciao! Io non ho bambini (magari tra qualche anno), ma stavo cercando qualcosa da poter usare al posto delle salviettine in quanto dopo aver fatto volontariato in canile non immaginate che profumino di cane ci si porta dietro.. Proverò sicuramente la tua ricetta! :D
      Per il mio scopo la trovo sicuramente perfetta, mi veniva il dubbio l'utilizzo per i bambini che nei primi anni di vita sono più sensibili dal punto di vista allergologico e quindi sarebbe meglio evitare l'uso (oltre a quello scontato di profumi e altre sostanze dannose ad ogni età) anche degli oli essenziali..

      Elimina
    3. in effetti hai ragione riguardo agli oli essenziali, anche se quello di lavanda è il più tollerato e delicato. in ogni caso si può diluire al minimo o acnora meglio, eliminarlo del tutto per i neonati . Per noi adulti invece va benissimo eccetto nei casi di accertata sensibilità personale. sperodi esserti stata di aiuto :)

      Elimina
  6. presto sul mercato troverete le salviette bebè asciutte con all'interno emolliente che si attiva con una goccia d'acqua , completamente naturale senza conservanti , parabeni e alcol

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.