12.3.13

La rabbia nei bambini

I bambini possono esprimere la rabbia in molti modi.
Quando sono molto piccoli di solito piangono più forte che possono, spesso sbattono i piedi a terra, provano a lanciare gli oggetti. Ancora non sanno gestire questo sentimento forte di distruzione e allora inscenano performace da premio oscar, sdraiandosi a terra urlanti, colpendo a pugni il pavimento e dimenandosi come indiavolati, in questi casi stringerli in un abbraccio che li contenga li aiuta molto, come anche riconoscere la loro rabbia a voce alta. 


L'aereoplanino di carta è volato dall'alto delle scale per arrivare vicino ai miei piedi dopo un litigio pomeridiano
Vi è mai capitato al supermercato? 
A me si con Ethan, che Daphne è sempre stata una bambina calma e ragionevole sin da piccola. 
In quel caso sembrava lo stessi ammazzando mentre ero semplicemente ferma e frastornata a guardarlo senza parole in quell'opera teatrale eccelsa, non ricordo neanche il motivo di tanto furore, ma ricordo il mio pensiero: ecco, è quello che ho sempre visto capitare ad altri e ora sta succedendo a me

Crescendo le esplosioni incontrollabili sono meno frequenti perchè si può far leva sul dialogo o il compromesso, ma la rabbia rimane comunque un sentimento di facile accesso. 
Vale anche per noi adulti, no?
E' sicuramente un sentimento che quando arriva travolge e può distruggere, sia un oggetto se lo scaraventiamo lontano e con forza, sia le relazioni se non riusciamo a trattenerci e andiamo oltre. 

I miei figli, i più grandi, negli ultimi tempi hanno imparato a sfogare quei momenti anche disegnando il loro sentire e io li ammiro così tanto, perchè è come se dicessero Si, io sono molto arrabbiato e non si fermassero a Ho ragione solo io
Io non credo che nei momenti in cui vedo rosso riuscirei a fare un bel disegno da offrire al mio antagonista, scoprendo il mio cuore e rendendolo così più vulnerabile. 

Ethan mi ha regalato questo suo ritratto dopo un litigio
Perchè disegnare il proprio cuore, il proprio sentire è un pò come offrirlo, non pensate? Lo leggo quindi come un segno di pace.
Ogni volta mi stupisco e penso che i bambini abbiano risorse preziose da prendere come esempio.

Vi auguro una bellissima giornata, anche se fredda, assolata, nebbiosa, ventosa che sia. 



Follow @kosenrufumama

21 commenti:

  1. Non so se di pace. Di certo di fiducia che a mio modo di vedere è molto più importante. Dà infatti la possibilità di lavorarci su, ma soprattutto dimostra che comunicate bene.
    La pace a ogni costo, a volte, può essere solo un mezzo di nascondere rancori e sentimenti distruttivi senza arrivare a un accordo vero.
    Il disegno del buona sì/no è un poema!!! :-)
    P.S.: ho avuto a che fare con un adulto che esprimeva la rabbia come il tuo settenne... brrr..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si effettivamente immaginare un adulto che disegna il proprio stato d'animo non è proprio invitante ;)

      Elimina
    2. No no non faceva disegni. Ma scenate come Ethan! Forse sarebbero stati meglio i disegni: un'elaborazione più avanzata :-)

      Elimina
    3. ops, allora è peggio :(

      Elimina
  2. la piccola è una ribelle nata ..... bizze e bizze... ma grazie a suo fratello grande, che un po comeil tuo esterna i suo sentimenti e la sua rabbia con i disegni.., quando è arrabbiata mi fa un disegno e poi lo appallottola e lo tira., a me!!!!!! la piccola ricciola invece va in camera a pensare quando è arrabiata senza che nessuno le dica nulla mentre la principessa fa il muso o si pianta impalata e poi quanod le passa viene a parlare...

    sono d'accordo con te riguardo al cuore ....vedo lelel che quando disegna un cuore per me o per papà è con gli occhi luccicanti ...mentre se fa u mostraccio che urla( che sarei io) allora è un po diversa l'espressione!!!!!!!
    che poi a pensrci bene io no dissegno un cuore se sto arrabbiata faccio scarabocchi mentre scrivo!!!!!
    grazie come sempre
    v.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si anche a me disegnano e poi tirano il foglio, aeroplano e palla di carta, hahahaha, sono bellissimi, quando vedo questo rido sotto i baffi per non farmi vedere da loro , ma li adoro :)

      Elimina
    2. e se rido mentre loro fanno queste cose.... si arrabbiano ancor di più!!!!! sono dolcissimi e vedere el loro diversità pur crescendo nella stessa casa è fantastico, ci dimostra che ogni figlio è unico e per questo il loro modo di reagire è giustamente diverso!!
      :-)

      Elimina
  3. sono meravigliosi, sia l'aereoplanino che il disegno! ; ) Chiara è una bambina molto calma e ragionevole, però a volte sbotta ed esprime la rabbia in modo furioso e usando le mani per colpire l'antagonista. Con il tempo mi sono resa conto che anche io (pur non picchiando nessuno!) ho la tendenza ad avere reazioni esplosive (mio marito scherzando mi chiama "miccia corta"!). Sia Chiara che io reagiamo così quando siamo sotto stress e riserviamo questo trattamento solo alle persone care! Mi rattrista tanto aver trasmesso a mia figlia questa mia modalità di reazione! Personalmente ci sto lavorando cercando di concentrarmi sull'amore che provo per il malcapitato che fa scattare la miccia e qualche volta riesco ad esprimere l'irritazione in modo meno distruttivo. Sto cercando di aiutare anche Chiara a esprimere la rabbia con le parole, mostrandomi sempre disponibile ad ascoltarla senza giudicarla ... vediamo un po' che succede! Fin da piccola comunque anche lei ha usato il disegno e il gioco simbolico per rielaborare ed esprimere i sentimenti, sia belli che penosi. Ooops ... qquanto ho scritto! l'argomento mi prendeva!!! ; )))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, contare fino a 10 serve, ma la rabbia se ben gestita e incanalata è un sentimento positivo e creativo, penso sempre se non ci fosse rabbia non nascerebbe il senso della giustizia che ci vede magari lavorare e agire contro i soprusi, certo poi è il modo che deve essere affinato. ora che i miei due primi sono più grandi per esempio a volte spiego loro in modo semplice le ingiustizie che avvengono nel mondo e loro si "indignano" giustamente. L'ultima erano gli esperimenti sugli animali e da l' hanno deciso di fare una rivoluzione pacifica: hanno scritto a mano dei bigliettini che hanno distribuito poi ai loro compagni di classe :))

      Elimina
  4. Hai ragione i nostri figli hanno risorse inesauribili e ci stupiscono ogni giorno in modi diversi. I tuoi figli sono davvero meravigliosi.

    RispondiElimina
  5. Io faccio molta fatica a rispondere ragionevolmente alla rabbia che ha cominciato a manifestare la mia bambina. Invece che contenere la sua rabbia, mi innervosisco anch'io. Dovrò lavorare molto su di me, perché per ora mi trovo a dover gestire gli scoppi d'ira di due bambine, e i più violenti da tenere a bada sono i miei! Credo che i nostri figli ci mettano sempre davanti ai nostri limiti e davanti a loro non si scappa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai detto proprio bene Francesca, questo è il lavoro più grande per noi genitori, metterci sempre in discussione.

      Elimina
  6. Qualche tempo fa lo faceva anche il mio BUH. E' capitato più volte che -dopo un accesso di rabbia- mi regalasse il disegno di un cuore spezzato ... molto simbolico!

    RispondiElimina
  7. Per adesso la nostra piccola si limita a tenere il broncio.
    La foto del bigliettino però mi ha rimandato indietro nel tempo quando quei biglietti li scrivevo io...

    RispondiElimina
  8. Oh cara Ester, sapessi come ogni giorno combatto con i miei sensi di colpa...
    Cassandra è una bambina molto molto dolce, ma molto spesso (direi giornalmente) ci mette davvero alla prova. Ha dei scatti di "rabbia" che possono scaturire da qualcosa di serio, come da assolutamente niente... a volte quasi per metterci alla prova. Abbiamo provato con tutto, con le parole dolci, con i toni duri, ignorandola... lasciandola sfogare. Ma a volte è così difficile contenere le nostre reazioni. La stanchezza giochi brutti scherzi e alla fine ti ritrovi con i tuoi sensi di colpa... a riprometterti che la prossima volta dovrà finire in maniera diversa.
    Io penso che molto spesso lei testi il nostro limite di "sopportazione" e che noi dovremmo in qualunque modo mantenere la calma... ma è davvero difficile!
    Spero davvero con tutto il cuore... di crescere.... perchè sono certa che oltre a Cassandra anche mamma e papà debbano crescere con lei.
    Intanto grazie di cuore per aver parlato anche di questo....
    Un abbraccio
    Claudia

    RispondiElimina
  9. Quando non si hanno bambini, non si mette in conto la loro rabbia che puo' esplodere ovunque (chi non ha sperimentato i pianti al supermercato?) e inaspettatamente. Non sempre si ha la voglia di capire e ci si spazientisce (io evito in pubblico ma a casa talvolta urlo, urlo...).
    I bambini non si chiudono di fronte alla rabbia e cercano di affrontarti: i miei corrono ad abbracciartmi e chiedono di fare la pace, i tuoi hanno scoperto un modo molto artistico che potresti conservare a futura memoria!

    RispondiElimina
  10. Bellissimo questo modo dei tuoi bambini di esprimere i propri sentimenti! Il disegno è terapeutico, perchè è comunque un modo di sfogarsi, perciò davvero complimenti a te e ai tuoi bimbi, che, comunque, dimostrano di essere molto maturi!

    RispondiElimina
  11. Proprio ieri sono stata ad un incontro per i genitori all'asilo di mio figlio di tre anni, dove si parlava dell'importanza di lasciare esprimere e venir fuori tutte le emozioni dei bambini, anche le più fastidiose e difficili.
    Anche il mio bimbo ha un carattere molto forte e spesso si arrabbia infuocandosi o facendo capricci infiniti per qualsiasi cosa. Io sto lavorando molto su di me perchè mi accorgo che se riesco a tenere la giusta distanza emotiva il momento no passa più in fretta. Non sempre è facile, anzi...
    Per fortuna siamo in tante a provarci e darci coraggio dal web ;-)

    RispondiElimina
  12. rabbia ...sofferenza...dolore...importante credo conoscerla per conoscere se stessi...non si elabora mai io credo...per me anche un adulto non è sconveniente se ha scoppi di rabbia....è uno stato di inferno...ben diverso dalla collera...è un grido d'aiuto perchè manca quacosa....o ci si sente soli impotenti anche senza sapere perchè...non è reprimendo ma capendo perchè.....la collera invece è ben più pericolosa poichè può presentarsi fredda e calcolata...la rabbia credo sia un tentativo anche di liberarsi la collera mira a opporre le proprie ragioni schiacciando l'altro..il diverso da se'....che dici Ester...parlo bene? ahah

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.