20.9.12

Sono stata cattiva.

Sono stata cattiva perchè ho abbandonato la mia pasta madre nel frigo per lungo tempo, nonostante le raccomandazioni di Riccardo su come mantenerla in vita, sana e vegeta. Ma ero pigra pigra pigra, e faceva anche un gran caldo, ma poi tornata a Bologna ho dovuto prendere di petto la situazione e ho aperto il barattolo: poverina, emanava un forte odore, pungente, alcolico, quasi mi ubriacavo io che bevo quasi niente, ed era in stato semiliquido.


Mi son fatta coraggio e l'ho rinfrescata raddoppiandola, ogni giorno. 


Le prime volte buttavo via metà della pasta e la lasciavo riposare in frigo, poi mi dispiaceva sprecare anche quei pochi grammi di farina e acqua e ho deciso di preparare delle frittelle da usare al posto del pane, ungendo la pasta quel tanto che serve per facilitare la forma spiattellata, di circa 3-4 mm di spessore, prima di metterle a cuocere per 4 minuti circa per lato su una padella rovente. Buonissime. Deliziose, i miei figli le adorano.


Ritornando alla pasta madre, i suoi fermenti, che sono vivi, ricordiamocelo, hanno ripreso vita, in particolare se lasciati crescere fuori a temperatura ambiente e ora il pane è bello, gonfio e buonissimo. L'ho anche spacciata un paio di volte a future panificatrici.


Insomma alla fine di tutto la mia pasta madre mi ha perdonato, come fanno i figli. Loro lo fanno sempre.

12 commenti:

  1. E già.... loro lo fanno sempre!!!!

    RispondiElimina
  2. Ma quante ricette di pasta madre!! La mio invece è deceduta perché l’ho proprio abbandonata…

    RispondiElimina
  3. Che bella idea e come cresciuto il piccolo! Buona giornata

    RispondiElimina
  4. E perchè cattiva?
    Hai saputo porre rimedio... direi che sei stata brava!

    RispondiElimina
  5. Io l'ho proprio congelata, spero di essere in grado di resuscitarla appena mi sarò sistemata con gli orari... tu l'hai recuperata al meglio :-)

    RispondiElimina
  6. acquolina in bocca......e meno male che sei stata cattiva!

    alessandra

    RispondiElimina
  7. Anche io odio buttarla, ma a volte è troppa, così l'altra mattina ho fatto i pancakes. La prossima volta provo con le tue focacce!

    RispondiElimina
  8. quella pagnotta è favolosa...

    RispondiElimina
  9. Quest'ultima frase mi serviva proprio: l'inserimento a scuola mi sta uccidendo di sensi di colpa :(

    RispondiElimina
  10. Anche la mia mi perdona sempre... Viva e vegeta e spacciata ad un'amica felice. Ti sei iscritta al sito delle spacciatrici di pasta madre? Io si'....

    RispondiElimina
  11. Senti, con tutto che no allo spreco, sinceramente vivere pure sui ritmi della pasta madre, no. Non si può tentare di uscire da certi ritmi per poi colpevolizzarsi su certi altri (che le nostre ave hanno ben patito...).

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.