12.12.11

Verso la festa.

Buon lunedì di dicembre, sono ancora con la mia bella pancia in attesa, ormai tutto è veramente pronto, non  mi resta che godere degli ultimi giorni in tranquillità, scivolando con decisione verso il Natale e tutta la sua atmosfera festiva.


Il Natale a me piace, le luci mi scaldano il cuore, i colori, la tradizione, il ritmo che si ripete mi rassicura. Non amo l'aspetto commerciale ovviamente, la corsa ai regali (noi ormai sono anni che non ne facciamo se non qualcuno autoprodotto e simbolico), l'eccesso di cibo. Per i bambini è magico, ogni giorno, sempre più, questo aspetto delicato cresce fino alla notte e al giorno di festa. E' un ritmo che si ripete, ogni anno, un momento che loro vivono con maggiore consapevolezza e li arricchisce di fantasia e leggerezza. 
Si, perchè loro si chiedono  come faccia Babbo Natale a leggere la loro letterina o a portare i regali e la risposta è sempre: perchè è magico. E questo a loro basta. 
Si chiedono come fanno a volare le renne e la risposta è sempre: perchè sono magiche. E questo a loro basta e li riempie di stupore. Insomma, come non mai le loro giornate ora sono ricche di questa atmosfera che scalda i cuori. Quale miglior regalo per i bambini dei nostri giorni che vivono nella realtà sfrenata del consumismo e del precocismo su tutto e ad ogni costo. Poter sentire, respirare e vivere il loro tempo pervaso da questa atmosfera tintinnante di magia li rende ancor più i bambini che devono essere. Così spontaneamente intorno creano, inventano, sperimentano oggetti, disegni, giochi a tema natalizio.

Il pinguino di carta, natalizio di Daphne.

Il presepe di cera accanto al biscotto della merenda

L'ispirazione viene cercata ovunque, lo spirito natalizio si nasconde anche nel cibo e nei libri, infatti Daphne ha sfogliato Nigella Christmas della mitica Nigella Lawson e ha segnato cosa preferirebbe preparare per Natale, sicuramente niente di leggero, ma molto in tema, The boozy british trifle, glorioso e godurioso.


La mia concentrazione invece rimane sul prossimo arrivo e in questi giorni ho cucito il cappello da pilota trovato sul sito di Sew Liberated, il modello da scaricare è chiarissimo e semplice. Il piccolo lo terrà sempre sul capo, sin dai primi momenti, bianco e morbido.


Pensando ad una mamma recente, che ho nel cuore insieme al suo Riccardo, vi auguro preparativi luccicanti, sia fuori che dentro il cuore.



8 commenti:

  1. Adoro questo pinguino natalizio!
    buona settimana :)

    RispondiElimina
  2. Hai ragione anche noi cerchiamo di assaporare il sapore del natale senza farci abbagliare dal consumismo...quest'anno tutti regali farri in casa!

    RispondiElimina
  3. anche a te cara esther...auguro giorni felici,pieni di quella serenità che si legge nelle tue parole, nelle tue foto, nei tuoi bimbi....ti sono silenziosamente vicina e desidero ringraziarti in questi ultimi giorni dell'anno, per tutto ciò che mi hai donato con il tuo blog.un abbraccio che congloba tutta la famiglia...compreso quello nel pancione!

    RispondiElimina
  4. Concordo pienamente con la tua visione del Natale... anch'io lo amo per le tue stesse motivazioni... negli anni oltre all'aspetto commerciale me lo ha rovinato anche un po' quello "parentale"... nel senso che spesso poi si trasforma tutto in un tiraemolla di dove andare, da chi andare... con chi festeggiare e spesso ci si ritrova a tavola con gente con cui si ha ben poco da condividere... quest'anno sinceramente vorrei essere più coerente... perchè il Natale è prima di tutto CASA!!!

    RispondiElimina
  5. I love all the festive holiday making going on in your home. It's wonderful you include the children so much in all of the exciting preparations. So much sewing and making going on!

    RispondiElimina
  6. siamo in ritardo... l'albero è ancora in soffitta!
    Tu, invece, riposati e goditi questi momenti!

    RispondiElimina
  7. come sei diventata brava a cucire !!

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.