30.11.10

Dettagli

Eccoci.
Allora, ho fatto tante di quelle foto che alla fine le ho scaricate più volte, confondendole e poi, scegliendole, stavo nuovamente impazzendo, questo per dirvi come l'entusiasmo mi ha steso. 
Io sono stata presente interamente solo domenica, a questa festa della scuola, pensata soprattutto per creare un concerto di famiglie insegnanti, ospiti, curiosi e anche per raccogliere fondi. Quello che mi ha colpito sono state molte cose, ma voglio accennarvi a qualche momento speciale, che ho vissuto intimamente e ho scelto di condividere con voi. Questa Festa di Natale è diversa da quella di Primavera, si respira un'aria di gioia, quella familiare e calda, del periodo in cui ci stiamo addentrando. Ogni classe o spazio è stato adibito ad un laboratorio o ad un punto vendita di oggetti creati a mano, di vestiti usati o distribuzione cibo.



Ci sono stati vari momenti musicali, regalatici sia dagli alunni che dagli insegnanti, suonando e cantando, accompagnati da veri strumenti, nessuna registrazione. Sembra un dettaglio insignificante, ma in quei momenti mi sono resa conto da quanto tempo non ascoltavo della musica dal vivo. Un piacere per le orecchie.



I laboratori per i bambini erano ovunque, noi eravamo a quello delle candele decorate e delle arance speziate e girando per le aule, si intravedevano queste manine operose, attente, curiose, continuamente. Quindi questo fare, fare fare, creando sempre qualcosa di utile, se pur sia una candela.
Non ho avuto il tempo per partecipare, ma c'era il laboratorio dei biscotti, da preparare anche con i bambini, con piccoli fornetti, facili da usare e ho pensato alla bellezza di poter cucinare il cibo insieme ai nostri figli, un gesto così semplice ed antico.
E poi i profumi sparsi ovunque: 



di pino, al laboratorio di corone dell'avvento, fortissimo, inebriante.
di pizza appena sfornata, passando accanto alla cucina.
di biscotti, caldi.



di spezie e arance, chiodi di garofano, profumatissimi per le decorazioni.



di cioccolata, calda con panna e di tutti i tipi, nella classe di Daphne adibita a cioccolateria, somigliante ad un piccolo bistrot.
di vino caldo e speziato per scaldarci.
E poi note, di strumenti che hanno continuato a suonare, tra le mani dei ragazzi, nella sala polivalente.


Ultimo ma primo, nella mia classifica del cuore, in cima alla scala, nella sala biblioteca, dove il muro arrotondato crea un piccolo angolo nascosto... il laboratorio delle candele a immersione, con la porta chiusa.


La maestra Silvia, quella dell'asilo di Ethan, con l'attrezzo per fare le candele, non saprei come altro chiamarlo, un grande calderone a bagnomaria pieno di cera sciolta, posizionato in mezzo alla stanza, in silenzio, lontani dal vocio della festa, con le finestre ad arco che si affacciano dall'alto sul prato, in quel momento ricoperto di neve candida. E un cerchio intorno di bambini, camminando in tondo, lentamente, con uno stoppino lungo in mano da immergere a turno nel calderone e la maestra che canta melodie meravigliose, magari alcune natalizie, insieme ai bambini, insieme a noi. Non saprei descrivere esattamente i bambini e le loro espressioni: forse attenti, seri, concentrati, venerando il momento, immersi totalmente in quel fare, strato dopo strato la candela prende forma, il tempo del giro e lo strato si è solidificato e pronti per un altro tuffo nella cera bollente. Sarei rimasta lì per ore. 
E poi siamo andati a casa, in mezzo alla prima neve di Bologna. E ho pensato, di nuovo, come il primo giorno di scuola, come le altre Feste di Primavera a cui ho partecipato, che questo è il più bel regalo che io e il mio compagno di vita stiamo facendo ai nostri figli e che loro stanno donando a noi. E ogni sacrificio che faccio, ogni giorno, vale la pena essere fatto, fino all'ultimo.
Buona settimana a tutti! 

22 commenti:

  1. caspita sei riuscita a far si che fossi presente anche io. Queste foto mi hanno regalato gioia, partecipazione e allegria :D

    RispondiElimina
  2. ma tutto ciò è reale? o sei tu che lo fai sembrare così splendidamente magico?
    Hai poteri speciali mia cara Ester... hai il dono di mostrare quello che di bello c'è nelle cose e nella vita.
    E tu stessa per me sembri un dono.
    Mi fai venir voglia di trasferirmi li da voi e collaborare da volontaria anche solo per svuotare i cestini delle carte, pur di stare in mezzo a voi e assaporare questa magia.
    Grazie davvero per i regali che ci fai.
    Ci dimostri che vivere nella semplice magia della vita è possibile.
    Anna

    RispondiElimina
  3. Hai una capacità di trasmettere emozioni,con le fotografie ma anche con i tuoi racconti vividi,che sembra di essere li presenti nella tua vita...che meraviglia deve essere quella scuola e le maestre...come vorrei ci fosse anche qui da noi un posto così.

    RispondiElimina
  4. Sembra tutto così irreale, così magico...spettacolare. Complimenti!

    RispondiElimina
  5. Che bello il tuo racconto, e le fotografie, e i tuoi pensieri. È bello poter partecipare in questo modo, anche attraverso lo schermo.
    E penso anche che sicuramente con la tua/vostra testimonianza stai dando coraggio ad altre famiglie a prendere in considerazione altre scelte...
    un abbraccio, ciao
    S.

    RispondiElimina
  6. ciao Ester, ti leggo spesso ma raramente commento...però volevo proprio ringraziarti per questo post. Da ex alunna della scuola steiner di milano, mi sono commossa per come hai raccontato l'atmosfera del bazar di natale, il mercatino dell'usato, le corone dell'avvento, le candele :) quanti ricordi bellissimi. Anche ora "da grande" cerco di passare alla festa di Natale, purtroppo quest'anno non son riuscita a fare un salto, ma il tuo post ha compensato. Grazie :)
    Marta

    RispondiElimina
  7. Una meraviglia! VOglio tornare bambina!!!!

    RispondiElimina
  8. Amicaaaaaaaaa, mi fai venire in mente quanto ho odiato la scuola, detestato il suo classismo, così traumatizzante (secondo me ne porto ancora i segni), i suoi giudizi, la sua incapacità di capirmi e coinvolgermi...ci fosse stata la scuola Steineriana allora, e la possibilità di parteciparvi anche se semipoveri...!!!!!!!!!!!!!! Qui in Brasile ha le stesse modalità ed é molto diffusa! I figli dei nostri amici sono cosà contenti! Che magia il rito delle candele...(nonostante il Natale mi faccia una gran tristezza!)
    "Se vuoi insegnare il latino a Giovannino, prima ancora del latino devi conoscere bene Giovannino!" ROUSSEAU

    BACI

    RispondiElimina
  9. Sembra tutto un sogno.... I tuoi bimbi sono davvero fortunati a frequentare questa scuola...!
    Un abbraccio e buona settimana anche a te!

    RispondiElimina
  10. E' tutto così meraviglioso..vien voglia anche a me di trasferirmi e partecipare e mandare lety in quella scuola :)..mancano 2 anni alle elementari..quindi non conosco questo monnfo ancora ma la vostra scuola è meravigliosa.
    grazie per condividere questa magia con noi.
    baci
    Antonella

    RispondiElimina
  11. mi piace anche l'header nuovo..mi togli una curiosità? cosa vuol dire KOSENRUFU MAMA? a mama forse ci arrivo eheh
    bacioni

    RispondiElimina
  12. Ho le lacrime agli occhi...sembrerà che esagero, ma io mi emoziono davvero tanto, forse troppo, a volte anche guardando una foglia, figurati a leggere di questo impegno verso i bambini! Assolutamente meraviglioso...meraviglioso!

    RispondiElimina
  13. Questa festa deve essere stata meravigliosa, grazie alle tue foto ne abbiamo vissuto un pezzetto anche noi :-)
    intanto invito te e che ti legge a partecipare allo scambio di Natale che sto organizzando sul mio blog:

    http://ilcoltellodibanjas.blogspot.com/2010/11/scambio-di-nataleprontivia.html

    grazie!

    RispondiElimina
  14. mmhhhh si respira gia l'aria Natalizia!Che belloooo

    RispondiElimina
  15. htto://vivaedmoindo.blogspot.com1 dicembre 2010 00:04

    le cose più belle sono le più semplici, fiducia nei bambini che restituiscono con attenzione e capacità , serenità e ascolto che restituiscono con gioia di vivere e sicurezza ...
    che bella famiglia.
    condivido con gioia il tuo percorso.
    grazie.

    RispondiElimina
  16. Bellissimo !Questa è la scuola che vorrei fare !...ma purtroppo da insegnante statale, penso che sia solo un'utopia! Dove si comprano quei magnifici libri che si vedono nelle tue foto? sul catalogo Livipur sono in tedesco, mi puoi dare qualche dritta?

    RispondiElimina
  17. eh che bello tutto questo fare con le mani..
    baci
    Cris

    RispondiElimina
  18. Che meraviglia!! Avete davvero fatto una scelta guidata dal desiderio che i vostri figli siano felici con questa scuola, ma credo che la cosa bella è che questa atmosfera e direzione la state portando avanti anche a casa:)
    una radiosa, bianca giornata
    StefiB

    RispondiElimina
  19. Che meravigliosa atmosfera...
    Si, continuate a dare questo ai vostri figli: è il regalo più prezioso...
    Sai, mi sembra quasi di sentire il profumo della cera!!!
    Un abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  20. mi sono commossa (anche stavolta),commossa per la bellezza che vivete e perchè è vero che questo è uno dei doni più belli che possiate fare a vostri bimbi...e un pò mi commuovo anche perchè qui di una scuola così non c'è nemmeno l'ombra...
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. E' un post meraviglioso, mi trasmetti emozioni magiche di pace e serenità! Non so se davvero in questa scuola ci siano tutte gioie (e niente pecche), però tu riesci a trasmetterci le cose meravigliose che vivi e in questo modo, sicuramente, le vivi anche con i tuoi bimbi.... bellissimo!

    RispondiElimina
  22. ciao ester, Ale quest'anno ha iniziato l'asilo nella scuola del paese, scuola peruviana classica, perchè non c'erano alternative dove viviamo. Ma sai cosa sto riflettendo ? che accanto al non criticare più gli altri, voglio aggiungere il proposito di non dire più purtroppo !!! di dire: voglio fare !!! e voglio provare ad aprire una scuola steineriana o almeno un laboratorio, in provincia da noi, dove viviamo !!! stammi vicina in questo proposito nuovo, ispirato alla forza delle tue parole che mi richiamano di nuovo ad un sogno per Ale, che avevo lasciato cadere.

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.