31.7.09

Bellezza di cuore.

Sono tornata, già ho ripreso a lavorare, il caldo si è già appiccicato addosso e tutto il mio essere urla richieste di riposo, vacanza, pensieri leggeri e colazioni lente. Per il momento mi godo il ricordo di questi 3 giorni che ho passato a casa dei miei genitori, nelle campagne del viterbese in mezzo agli ulivi e immersa nel silenzio. Sono arrivata lì in treno, era così tanto tempo che non viaggiavo con questo mezzo pubblico, la stazione è sempre un posto affascinante, più di un'aeroporto, un luogo di insersezioni di vite, scambi di sguardi, corse verso il binario. Si incontra gente di tutti i tipi, tutte le lingue e tutti i dialetti e si inizia a chiedersi chi siano, cosa fanno, quali siano i loro sogni, paure, gioie, affetti. Arrivata a casa la mia sorellina ha aperto le sue dolci braccia di estetista e mi ha rimessa a nuovo.

Image and video hosting by TinyPic

Io non vado mai da queste esperte della bellezza, mai andata e forse mai andrò, mi scusino tutte le professioniste del settore, ma per me è un'appuntamento inutile, non fraintendetemi, rispetto il loro lavoro, questo riguarda solo ed unicamente me, la mia persona, le mie esigenze. Diciamo che vado anche raramente dal parrucchiere, diciamo una vota ogni 2 anni. Non scandalizzatevi, tutto quello che c'è da fare lo faccio da sola e il risultato è sempre ottimo e il mio corpo è in splendida forma nonostante i miei 40 anni. Ma quando torno a casa mi faccio coccolare dalle mani esperte della mia sorellina, perchè per noi diventa un momento di intimità, chiacchiere e risate. Lei è bravissima e cosa più importante adora il suo lavoro, le piace, lei a due anni si metteva perfettamente il rossetto senza sbavature e senza guardarsi allo specchio, lo ricordo come fosse ieri (il rossetto era il mio, tra noi passano circa 17 anni di differenza). In questi giorni abbiamo provato insieme il NO-POO, mi spiego meglio, ne avevo già sentito parlare su Angry Chicken, mi aveva incuriosito, e così ho approfondito meglio. Si tratta di lavarsi i capelli senza shampoo (no-poo) utilizzando solo un cucchiaio di bicarbonato di sodio sciolto in una tazza d'acqua, utilizzando poi per gli ultimi risciacqui 2 cucchiai di aceto di mele diluito con una tazza d'acqua. Il risultato è sorprendente! Capelli veri, morbidi,
soffici, corposi, vaporosi, lucidi e soprattutto puliti. Già negli ultimi mesi avevo optato per prodotti il più possibile naturali e avevo già visto dei miglioramenti, i capelli sembravano stare meglio ma soprattutto rimanevano puliti più a lungo, ma credo che da adesso in poi eliminerò del tutto shampoo e balsamo. Dopo aver applicato la miscela di bicarbonato e acqua sulla testa bagnata, si massaggia per qualche secondo, proprio come fosse uno shampoo, io poi ho districato i capelli con un pettine a denti larghi e, non so per quale effetto chimico, era come se avessi applicato un balsamo ammorbidente. L'aceto di mele, più delicato di quello di vino, ha dato un effetto lucidante finale che ancora oggi, dopo 4 giorni, è visibile. Inutile dire che, con dose molto ridotta, lo userò anche per lavare i capelli ai miei figli.

mare

love

mare

estate

estate

Image and video hosting by TinyPic

Le nostre giornate sono corse veloci, rilassate, godendo della compagnia l'uno dell'altro in mezzo al sole, la natura, il mare.


Image and video hosting by TinyPic

Vi auguro un weekend folgorante!!!

15 commenti:

  1. Foto incantevoli!
    È sempre bellissimo leggere di voi e lasciarsi contagiare dai vostri sorrisi.
    Bellissima tua sorella!

    RispondiElimina
  2. allora, grazie per la ricetta dello shampo, la provo anche se so già che la adotterò subito e anche per Ale; che allegria e leggerezza nelle tue foto, la crosta sul labbro di Daphne mi fa pensare a giochi in libertà, che piacere pensare che stanno godendosi l'estate della campagna !! ti rispondo presto, victor ha assorbito tutte le mie attenzioni ma ora è partito per lambayeque un 4 gg, e io mi sto riorganizzando, perchè mi ha fatto saltare tutti i ritmi il che va bene ma non troppo, un bacione grandissimo

    RispondiElimina
  3. Che splendore, non trovo altre parole. Che gioia, che serenità, che luce che trasmettono le tue parole e le foto della tua splendida famiglia.
    Per quanto riguarda le stazioni e i treni leggendoti ho ritrovato le mie parole. Condivido ogni parola.
    Pensa che qualche anno fa avevo persino pensato di scrivere un libro, una raccolta di storie di tutte le persone incintrate in treno.
    Credo non esista un luogo altrettanto affascinante doveci si incontra scomtra con persone così diverse. a volte, anzi spesso, si parla, si condivide, ci si racconta, altre si osserva, si immagina, si sogna.
    pensa che moltissimi annifa per raccontartene una ho conosciuta un signore che faceva un mestiere strano, girava il mondo come agriculturaleconomo. In quel momento era in Romania e per me che all'epoca era affascinata da leggende e misteri fu una coincidena interessante. ci siamo scritti per anni, da ogni parte del mondo. e ne avrei di storie da raccontare.
    Grazie ancora per questo splendido post e per la ricetta che proverò subito (ok devo comprare l'aceto di mele, ammetto di esserne priva al momento :))
    Un abbraccio affettuoso.

    RispondiElimina
  4. Inutile dire che il NO POO sarà anche il mio shampoo di oggi... che bello questo post ... anche io come te non sono una cliente delle estetiste ...vado bene così e non mi tingo i capelli che ho lievemente rigati di bianco... ho 38 anni e forse è giusto essere ciò che si è ...tranquillamente ... le foto sono bellissime... passa da me c'è anche per te qualcosa... baci stefania

    RispondiElimina
  5. Foto bellissime!
    Il treno, se non bisogna prenderlo tutti i giorni con varie arrabbiature su scioperi, sporchizia e soprattutto ritardi (arrgh!!), é una cosa bella, interessante e anche comoda. Cento anni fa (circa) abbiamo fatto un viaggio in treno di 17 ore con i bambini che avevano 4 e 7 anni. Nonostante tutti ci avessero detto che eravamo matti, é stata una bellissima avventura, non si sono annoiati un minuto; in confronto era molto peggio aspettare mezz'ora con loro in sala d'attesa dal medico :))
    Buon fine luglio anche a te.

    RispondiElimina
  6. Ciao, le tue foto emanano serenità! Vedo che anche la tua bimba si è fatta curare dalla zia...ha lo smalto nelle unghie!! La mia lo adora,io un pò meno. Il treno su di me ha l'effetto di un mantra...il suo andamento ondeggiante, ritmico e il rullio sommesso dello sferragliare sulle rotaie mi liberano la mente. E' tanto che non lo prendo. La tua ricetta "NO POO" va bene anche per capelli tinti? Grazie, Silvia

    RispondiElimina
  7. ciao ogni tanto passo di qui xchè il tuo blog mette tanta serenità... corro subito a provare la ricetta x lo shampoo.
    ciao mikka

    RispondiElimina
  8. I love your photos, you have a beautiful eye. I have always wanted to visit Italy, is that where you are? You make it look so lovely. I am going to bookmark your blog, your creative photos are inspiration to me!

    RispondiElimina
  9. quelles magnifiques photos!!

    RispondiElimina
  10. Proverò anch'io la tua ricetta sui miei indomabili ricci!
    che bello avere dei legami famigliari così armoniosi e condividere anche quelle piccole cose che vogliono dire molto di più del semplice aspetto tecnico. Devono essere stati davvero dei bei giorni!
    un raggio di sole a te.. ma anche una brezza fresca :)

    RispondiElimina
  11. wow!! che meraviglia Ester! foto incantevoli...

    RispondiElimina
  12. La foto coi sassi è magnifica!

    RispondiElimina
  13. Devo assolutamente provare il no poo!!! bellissime le foto e questa atmosfera vacanziera e rilassata che trasmettono!
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  14. Nice blog with nice pictures. Enjoyed going through it. Keep it up the good work. Cheers :)

    RispondiElimina
  15. Ho scoperto e sperimentato il no-poo grazie a te, fantastico! Ne ho scritto qui: http://piccolalory.splinder.com/post/22387058/NO-POO+e+superfluo
    GRAZIE!

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.