8.6.15

A cavallo dell'estate succedono cose

Sono giorni in cui succedono cose. 
Prima di tutto l'estate è arrivata prepotente e soprattutto in anticipo, anche se il calendario la vede ancora piuttosto lontana ha deciso di arrivare e adesso, dopo il piumino sul letto fino alla scorsa settimana, mi ritrovo a dormire in mutande, seminuda e senza lenzuolo. 
Questa è una cosa. Per me anche faticosa, dato che la pressione scende scende verso il basso fino quasi a farmi strisciare e leccare il pavimento dalla fatica.


panna

Poi è finita la scuola, almeno quella dei due grandi, e felicemente ammetto che questa fine dell'anno scolastico l'ho subita meno degli altri anni. Nonostante saggi, feste, regali per le maestre, incontri, resoconti. E' come se la mia mente avesse ingranato il pilota automatico e non si fosse preoccupata, cavalcando l'ansia, degli impegni degli ultimi tempi. 

Ho perso il lavoro. Cosa non da poco, attualmente. Senza che stia qui a spiegare i particolari, il succo concentrato sulla questione è quella descritta con quelle quattro parole. Non so perché o per come, ma il mio stato vitale è altissimo. Soprattutto mi sono buttata a pulire casa, da cima a fondo, e devo ancora finire. E' rigenerante, soprattutto quanto i pensieri frullano in testa. 
Sentivo un urgente bisogno di impegnare le mani, quasi faticando (escluse quindi tutte le attività artistiche, seppur terapeutiche) e sicuramente ha funzionato. Ho parti di casa che sono rinnovate, c'è quasi l'eco, se si volge la parola e la testa in quelle direzioni. Ma è stato soprattutto una sorta di cacciare il vecchio per il nuovo. 

La vera causa di questo alto stato vitale è la mia pratica buddista, però, questo voglio scriverlo, a scanso di equivoci. Inspiegabilmente sento forte la gioia di vivere, a dispetto delle circostanze, abbastanza drammatiche, sento gioia. Ora devo/desidero sviluppare gratitudine. 
Perché lo sapete che le persone che sono in grado di provare gratitudine sono felici? Conviene, no?

Inoltre ho perfezionato la panna furba. Mettevo a surgelare cucchiaiate troppo grandi, che poi faticavano ad entrare nella tazzina di giusta misura, quindi ho scelto di preparare cucchiaini minuscoli, per essere certa di godere fino in fondo di questo particolare gioioso della giornata.


golosita

I frullati la mattina sono ormai un'abitudine consolidata, fanno bene, sono buoni, mantengono impegnato lo stomaco, rilasciando energia, a lungo. Voglio consigliarvi quello di questa mattina.

1 banana
1 manciata di fragole a pezzetti congelate
1/2 tazza di latte di avena
1 manciata di prezzemolo


frullato banana fragola latte avena prezzemolo

Frullare tutto potentemente e bere in breve tempo. Quella manciata di prezzemolo ha fatto la differenza, mentre lo aggiungevo alla fine, ero indecisa, pensavo avrebbe influito negativamente sul sapore, invece lo adoro. 

Infine rimango incantata dal lavoro che portano avanti alla scuola steineriana i miei figli. Entrambi già lavorano la creta a seconda dell'argomento che studiano in quel momento dell'anno con il maestro. Per esempio Ethan con la zoologia ha creato moltissimi animali, meravigliosi, mentre Daphne che ha studiato la Grecia ha portato a casa modelli di colonne e capitelli. 


lavoro creta scuola steineriana

Infine, l'ultimo giorno, alla consegna delle pagelle artistiche (non sanno dell'esistenza delle altre ministeriali, che noi genitori firmiamo in sede separata) ha portato a casa un lavoro dalla grazia delicata, ai miei occhi. La maestra aveva dato l'indicazione di creare un cerchio di bambini e lei ha interpretato così quel suggerimento.

Con questo è tutto.
Anzi no. Auguro di cuore una settimana speciale a tutti voi che passate di qua, che vi fermate a leggere anche senza commentare. 









Seguimi anche su



21 commenti:

  1. ...me la dai la ricetta della panna golosa?
    france

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se clicchi sul link delle parole "ho perfezionato la panna furba" poco più in alto trovi il post che ne parla
      Comunque è semplice panna montata, conservata a cucchiaini in freezer, stesa su un foglio di carta da forno, e poi conservata in un sacchetto in freezer, appunto.
      buon caffè con panna ;)

      Elimina
  2. ciao Ester, mi spiace molto per il tuo lavoro. Sono sicura che a breve troverai qualcos'altro....o magari ti farai tutta l'estate in tranquillità e poi a settembre si riparte!
    un abbraccio
    Paolita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara, grazie ! infatti ora sono a casa, anche perchè non saprei dove mettere i bimbi
      :/

      Elimina
  3. ammiro e amo il tuo coraggio, la tua energia, la passione che esce da ogni tua parola. Mi piace il tuo sorriso che arriva, tra un punto e una virgola.Arriva e rimbalza addosso ed è meraviglioso, perchè colora ogni cosa.
    Amo la tua forza.
    Sei davvero una persona bella.
    Una donna bella.
    Sei un esempio.
    Un abbraccio grande grande
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara grazie! e i tuoi commenti sono sempre fonte di grande ispirazione, per me !

      Elimina
  4. terry Rio vermelho8 giugno 2015 14:32

    ti auguro di POTER non lavorare amica mia.....cacchio lavori già così tanto in casa ...

    RispondiElimina
  5. ester ungrande abbraccio ..... e tu deliziaci ancora ....
    a presto
    vero

    RispondiElimina
  6. ester, ammiro la tua grinta. e sono certa che questo spazio che con le unghie ti stai facendo e in qualche caso la tua vita ti stia aiutando a fare, sarà presto riempito da qualcosa che ti valorizzi al meglio perché meriti di esprimere tutto il tuo potenziale.
    ancora una volta mi ripeto, quanto vorrei esserti più vicina.
    ti abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sul voler essere più vicine ti do subito ragione ;)
      per quanto la mia esperienza ultima, ecco, devo ancora capire cosa devo approfondire della mia vita, ma sono certa che avrò una risposta chiara. Crisi economica a parte, tutto quello che ci accade non avviene per caso ;)
      per il momento ribalto casa e cerco di vivere felice dove sono, nella situazione in cui sono
      un abbraccio grande

      Elimina
  7. Essere felici quando tutto va bene è facile (... in realtà qualcuno non ci riesce neanche quando tutto va bene!), ma avere tutta questa energia (che esce persino dallo schermo del computer) dopo aver perso il lavoro, evidenzia ancora una volta la persona meravigliosa che sei!!! In bocca al lupo per tutto

    RispondiElimina
  8. sei un meraviglioso esempio di felicità. Quella vera, non quella rosa confetto :-) quella che scaturisce dal giusto atteggiamento nei confronti della vita. Grazie! Leggo, ti ammiro, sorrido e imparo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te di fermarti, leggere, commentare :)
      un abbraccio
      ester

      Elimina
  9. ps. in bocca al lupo per il lavoro!
    pps. ti ho incontrata per caso qualche anno fa a seminare grani antichi...tu con la tua famiglia io con la mia...ai gemelli si è aggiunto un terzo tesoro nel frattempo e adesso con tre figli come te, il lavoro e tutto da mandare avanti capisco ancor di più quanta energia buona si sprigioni dalla tua persona. Grazie ancora!

    RispondiElimina
  10. Mi dispiace che tu abbia perso il lavoro... di questi tempi poi... ma ti capisco quando scrivi che comunque ti senti piena di vita, di energia e di positività. Io non amo il mio lavoro, che a volte sento e vivo come una gabbia, e ci sono stati dei momenti in cui ho quasi desiderato essere licenziata.
    Ho mille risorse nel cesto della mia vita... sono sempre stata certa che me la sarei cavata alla grande, sempre... con la differenza che sarei stata LIBERA!!!
    Vivila così... andrà tutto bene!!!
    Un abbracccio
    Francesca

    RispondiElimina
  11. Avevo bisogno di lasciar passare qualche giorno prima di commentare questo post (io che ti leggo sempre silenziosa). Ho perso il lavoro anche io: dopo cinque anni sono stata liquidata con un "non c'è più bisogno di te" senza neanche un "ci dispiace ma". Un fulmine a ciel sereno. Da marzo cerco disperatamente lavoro ma non trovo nulla: troppo vecchia a 42 anni per lavori di ufficio, troppo qualificata per fare l'operaia o la cassiera. Cosa dovrei fare? Il mio misero stipendio da 500 euro al mese era l'unica entrata della famiglia e già non bastavano per arrivare a fine mese. Sono felice che tu ti senta tranquilla. Io, al contrario, mi sento senza fiato. Mi guardo attorno, ho tante belle persone, ho ancora un tetto sopra la testa, ma con le frasi di incoraggiamento non ci pago il mutuo... Non so cosa sarà di me, di noi. Nel frattempo anche io sto pulendo a fondo la casa, credo sia un bisogno inconscio necessario per spazzare via il vecchio e i brutti pensieri. Tranne il decluttering, visto che tutti i miei vestiti non riempirebbero un sacco nero.........

    RispondiElimina
  12. cara, mi spiace per la tua situazione. La mia grande fortuna è che mio marito lavora. un lavoro, normale, modesto, ma un'altra entrata c'è. Abbiamo il mutuo, e le spese necessarie per 3 figli, nessun soldo messo da parte, ma sto imparando a non trovare la disperazione. Perchè quella, ti capisco, arriva facile, veloce, strisciante, sicura. Quello che sto vivendo è un momento in cui sono certa che dietro a questa difficoltà si nasconda un grande beneficio, voglio trovarlo scovarlo, crearlo. Vi terrò informati :)
    I miei vestiti erano tanti perchè sono quelli di decenni, quelli che mi hanno fatto compagnia fin prima della nascita di daphne, quando pesavo circa 10 kg in meno.... sperando di tornare al mio peso originario li ho sempre conservati. Questa volta ho voluto cancellare le illusioni!!! ahahahah, altro che perdere peso, negli anni l'ho sempre, un pò per volta, conquistato. Ora ho nell'armadio ho quello che mi entra e quello che mi fa star bene.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. Ciao, io sono di quelle che non commenta mai, ma mi piace un sacco leggerti!!! :-)

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.