13.12.13

A cena sulla mia tavola: la zuppa

Questi giorni a Bologna è veramente freddo, umido, le punte dei piedi e del naso sono sempre gelate. Arrivo a sera che tra la stanchezza accumulata e la temperatura sento un bisogno estremo di mangiare cibi caldi, alimenti corroboranti. E veloci da preparare. Saltellando tra compromessi di altre pietanze per cena, richieste dal resto della famiglia, più solidi e consistenti a dir loro, mi ritrovo a desiderare la zuppa come un premio di fine giornata. E allora immagino i sapori e i colori, unisco gli ingredienti nella pentola a pressione per godere dopo circa 40 minuti di una meraviglia calda e densa pronta sulla tavola. 



La base costante sono le cipolle, le carote e un paio di foglie di bietola. A questi ingredienti aggiungo di volta in volta altre verdure o legumi. 
Se voglio un colore aranciato uso le lenticchie decorticate, che addensano e stanno benissimo con una grattata di noce moscata
Se invece voglio un sapore deciso scelgo cavolo nero e fagioli, arricchiti di un pizzico di pepe nero. Quando uso la zucca mi piace abbinarla alle patate e allo zenzero fresco messo a cuocere insieme, così rimane un retrogusto leggermente piccante che piace a tutti. 

La perfezione della zuppa si spiega per tanti motivi.

E' veloce da preparare, giusto il tempo di lavare le verdure e tagliarle a cubetti medio grandi, aggiungere l'acqua,  e poco dopo è pronta.
Ci aiuta ad assumere liquidi dato che in inverno fatichiamo a bere.
E' un buon modo di mangiare verdure, che spesso io frullo, non totalmente, ma quel tanto che basta per avere una consistenza leggermente cremosa, aggiungo dopo la pasta o il riso cotti a parte, oppure crostini e l'olio EVO a crudo.
Se preparata in abbondanza risolve un paio di cene freddolose.

In famiglia, l'appassionato di zuppa, che se la mangia con gusto, è proprio Edoardo.

Voi avete qualche zuppa preferita
Vi piace con la verdura lasciata a pezzettoni o la preferite cremosa?

Come passerete questo weekend? Io stasera sarò sola con i bambini mentre mio marito è a cena con i colleghi e devo confessarvi che non vedo l'ora di rilassarmi sul divano, dopo aver messo tutti a letto, e guardarmi uno di quei film leggeri e divertenti. Gli unici che guardo ultimamente.


Facebook          Twitter            Instagram            Pinterest

10 commenti:

  1. Mio marito aveva la cena ieri sera. Dopo aver messo i bimbi a nanna mi sono regalata un' oretta sul divano con copertina, tisana calda, albero acceso e rivista natalizia. Relax allo stato puro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco lo stesso mio programma mentale, che auspico si realizzerà ;)
      grazie :)

      Elimina
  2. La mia zuppa preferita? ... ecco qual è: http://r-atelier.blogspot.it/2013/12/zuppa-di-lenticchie-rosse-la-mia-zuppa.html
    Scrivi sempre post pieni di calore! Ciao, Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vado subito a darci un'occhiata
      grazie mille
      <3

      Elimina
  3. La mia zuppa preferita è quella di cipolle!
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bbbbona la zuppa di cipolle, i miei genitori me l'hanno fatta amare dopo un viaggio in francia e io ho ancora quel sapore delizioso tra i miei ricordi! E' vero che non la preparo mai, ma perchè!? lo devo tenere a mente per una delle prossime sere ;)

      Elimina
  4. Ciao Ester ! Acasa nostra le zuppe sono gustate solo da me e mio marito. pure noi amiamo quelle a base di zucca. La pentola a pressione non ho l' abitudine di usarla ma effettivamente renderebbe veloce le preparazioni: posso sempre cominciare.
    Buon appetito e buon riposo.
    Norma.

    RispondiElimina
  5. Quando è la stagione giusta, cucino spesso la zuppa di zucca con le lenticchie che ho imparato proprio da te. In altri casi, le zuppe le invento, usando gli ingredienti che mi trovo in casa. Ad esempio: riso, patate e lenticchie rosse, con uno schizzo di pomodoro e un po' di cipolla e prosciutto o pancetta come base.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la pancetta aggiunge quel saporino niente male :)

      Elimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.