7.6.13

Sciroppo di fragola

La stagione delle fragole risulta essere un pò in ritardo causa il tempo ballerino, e per fortuna, così posso godere un pò più a lungo di questo frutto e posso sperimentare in cucina. Inoltre fuori la scuola di Daphne ed Ethan ha sostato per vari giorni un coltivatore di fragole biologiche, le uniche che può mangiare Ethan,  pena un'orticaria violacea color vino rosso, che si sparge per tutto il suo giovane corpo e che ci ha già visto varie volte al pronto soccorso per capire da dove arrivasse. 


Alla fine abbiamo notato che dopo un paio di giorni l'aver mangiato fragole non biologiche, e non subito, si manifestava questa forte reazione allergica che la nostra pediatra vede legata non tanto al frutto in sè ma a quei i componenti velenosi che vengono usati nella sua coltivazione tradizionale. Infatti le fragole pulite da pesticidi & Co le può mangiare senza problemi.


Ma torniamo a noi, oggi voglio parlare dello sciroppo di fragole, che poi è legato a tante altre ricette dal colore rosso.
Insieme allo sciroppo di sambuco è uno dei nostri preferiti e questa volta il punto di partenza è la marmellata.
Le fragole sono un frutto molto acquoso e povere di pectina, quindi la marmellata può risultare piuttosto liquida, il procedimento prevede di lasciare a riposo le fragole e lo zucchero per almeno 12 ore e poi iniziare a cuocerla, ma voi direte, cosa centra questo con lo sciroppo?
Le due delizie sono legate l'una all'altra,perchè quando la mattina, dopo le 12 ore in frigo, sono andata a controllare ho visto che si era formato moltissimo succo zuccherino, e lì ho deciso che non avrei potuto far cuocere e far evaporare tutto quella meraviglia e così è nato il mio sciroppo.

Sciroppo di fragole
Ingredienti
1 kg fragole
500 g zucchero
succo di un limone 
buccia di un limone Bio

Tagliare le fragole in piccoli pezzi e metterle in una pentola di acciaio, aggiungere lo zucchero, il limone e la sua buccia, mescolare brevemente, coprire e conservare in frigo almeno 12 ore.
Passato questo tempo scolare il succo (ma non completamente tutto, eh?) e conservare in un barattolo o bottiglia di vetro sterilizzata. Al momento dell''uso diluire 1/3 di succo in 2/3 di acqua.


E quello che resta delle fragole? Marmellata!


Buon weekend a tutti tutti tutti.



4 commenti:

  1. teresa apolide8 giugno 2013 02:46

    sai che mi viene una gran rabbia sapere che ingurgitiamo chissà quali veleni ...che abusi ...che danni irreparabili che si manifestano dopo anche decenni...le fragole, quale bambino non adora questo frutto che prelude all'estate? Infatti alle fragole si susseguivano ciliege meloni, pesche, susine, prugne uva...e tutto maturo maturo e dolce e fichi raccolti con la goccia...e non acerbi!...mi manca lo sciroppo di sambuco sai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara, teresa, i veleni purtroppo ora hanno sorpassato i confini dei frutti e verdure, sono nelle nostre acque, quelle che escono dai rubinetti, che sono anche le più controllate, sono piene di pesticidi :(
      qui in italia è così, in brasile? dove sei tu? non penso così tanto come qua!!!
      un abbraccio

      Elimina
  2. Purtroppo, tra l'altro, le fragole, insieme a mele, pere e uva, sono i frutti maggiormente "bombati" di pesticidi: evidentemente il tuo bimbo "se n'è accorto" :)
    Ho appena raccolto il succo di questo tuo procedimento, finora usavo la mela aggiunta alle fragole per dare un po' di pectina al tutto, e la marmellata è sul fuoco!
    Buona settimana :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, purtroppo anche le mele, altro frutto amatissimo dal mio piccolo! :(
      spero che il risultato ti piaccia, noi ancora stiamo godendo dello sciroppo, :)

      Elimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.