5.3.13

Sono in ritardo

SI, sono in ritardo sul lunedì, perchè oggi è già martedì e sono in ritardo anche sulla giornata perchè di solito amo scrivere per farvi leggere presto la mattina, magari mentre state sorseggiando un caffè per svegliarvi, almeno io faccio così quando riesco a navigare tra i miei blog preferiti, ma voglio lo stesso scrivere poche righe e fare un passo avanti, senza star lì solo a pensarlo questo post.

Mi soffermo a riflettere in questi giorni, anzi forse pure troppo, guardandomi indietro, cercando di non rimanere prigioniera di questo passato che mi ha preceduto, di considerarlo solo un prezioso tesoro da osservare per trarre vantaggio per il futuro, ma quanto è difficile. 
Per certi versi ne rimango affascinata, come leggessi la vita di un'altra persona, che un pò invidio, per altri mi rendo conto dei passi da gigante che ho compiuto e non tornei mai indietro. 

Allora ho deciso che terrò presenti nel cuore tutti i progressi, le gioie, gli obiettivi raggiunti, i momenti di grande forza e determinazione, per imitarli di nuovo e renderli ancora più creativi e invece lascerò indietro, come cose vecchie e inutili, quelle sofferenze vinte, antichi punti di vista, superate attitudini, malefici modi di pensare che seppur profondamente miei ora sono illuminati e tenuti a bada, giù in fondo in fondo alla mia vita scura. 


E allora evviva me, la mia vita e il futuro. 
Con questo pensiero mi premio e mi godo una bella dose di panna cotta ai frutti di bosco e virtualmente la dedico proprio a te che leggi.


Follow @kosenrufumama

14 commenti:

  1. Alla tua salute, al tuo futuro e a un lunedì-che-è-già-martedì ma che va bene lo stesso perché è sempre bello leggerti :D!
    Buona giornata :D!

    RispondiElimina
  2. Ester, ho letto ad alta voce il tuo post perchè é molto importante quello che scrivi e mi è servito oggi, più che mai. Io mi volto spesso indietro, guardo sovente al passato e a volte questo passato mi soffoca. Sensi di colpa, recriminazioni, rimpianti... sono tutti pesi, vuoti di energia che é meglio lasciare andare.
    Partiamo dai progressi, da ciò che siamo ora, con quello che siamo e che abbiamo.
    Ti ringrazio ore quello che hai scritto.
    In abbraccio
    Francesca

    RispondiElimina
  3. Cara Francesca grazie a te per questo commento, il passato deve solo servirai da carburante per il futuro e a volte serve ricordarcelo :) un abbraccio a te

    RispondiElimina
  4. ester... che dolcezza nelle tue parole .... hai ragione il passato serve da forza per il futuro ma non si può cancellare il passato ed ogni tanto ci perdiamo nei ma e nei sè. ci perdiamo nel mare dei ricordi e riflettiamo ....... poi torniamo alla realtà e ci mettiamo in cammino per una "nuova avventura", magari con una pannacotta o un thè.....
    ciao ester e buona giornata

    RispondiElimina
  5. Grazie mille per questo post e per la panna cotta... anche se virtuale graditissima! ;-)

    RispondiElimina
  6. Ehhh proprio oggi che ho scoperto d'avere il diabete gestazionale, come me la mangerei quella panna cotta ai frutti di bosco! c'ho una fame e una voglia di dolci che la metà bastano!
    E cmq, di quel che hai scritto mi piace soprattutto "buttare antichi punti di vista".
    Ciao e buon futuro!
    Idanna

    RispondiElimina
  7. idanna
    il diabete gestazionale :( un abbraccio

    RispondiElimina
  8. grazie cara Ester... questo post mi ha fatto venire i brividi... sembra davvero che tu l'abbia scritto per me, che tu abbia messo nero su bianco le mie ancore che mi zavorrano e mi impediscono di godere a pieno del mio presente e di guardare con fiducia e gioia al mio futuro...
    grazie
    un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Mi piace questa tua idea del pubblicare i post presto la mattina, come un'abitudine di qualcosa da fare a colazione. Io invece lo faccio arraffando del tempo quando riesco, senza nessun ordine.
    Leggo i blog del reader a tarda serata di solito, quando la giornata rallenta. Una sorta di tè da assaporare tranquilli, parente del caffè della mattina che invece sono i tuoi post!

    RispondiElimina
  10. Bello questo post!! È' sempre emozionante leggerti! Ti abbraccio🌺

    RispondiElimina
  11. Grazie per questa dedica! Sei una persona speciale, ogni volta che ti leggo riesci a farmi sorridere a farmi stare bene! E allora ... viva te, la tua vita,la tua famiglia, il tuo futuro!!! Ti mando un grande abbraccio, col cuore!
    Laura

    RispondiElimina
  12. teresabrasil6 marzo 2013 02:34

    sei la degna compagna del tuo Salvo e una mamma grandiosa!E Salvatore è un uomo molto fortunato!

    RispondiElimina
  13. E' proprio questo che si intende con il termine Kisha, giusto? "Gettare via con gioia". Sarebbe bello riuscissi presto a buttarmi alle spalle miei modi di pensare che fanno soffrire me e chi mi ama. Grazie per questo e per gli altri tuoi post, Ester, sei un incoraggiamento nella vita e nella pratica.

    RispondiElimina
  14. Un abbraccio a tutte voi che mi avete sostenuto con i vostri commenti, alla fine tutto torna :)

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.