20.9.11

Prima di cena.


Aspettando che il pane si cuoci nel forno, con la tavola apparecchiata,  la doccia fatta e i piedi puliti, invece che leggere un libro sul divano spesso i canti si sentono tra le nostre mura, per allenare le evoluzioni del compagno di vita con la sua chitarra e per dare nuovi voci a vecchie canzoni. 
Qualche nota è stonata, ma loro si divertono così tanto, io di solito faccio altro mentre godo della loro arte e oggi vi rendo partecipi dei nostri momenti dal vivo.

  

Voi cosa fate prima di metter i piatti in tavola? E' tutta una corsa? gli altri della famiglia? vi aiutano o aspettano impazienti o anche loro vi cantano una serenata?
Buon martedì a tutti voi, di cuore.

15 commenti:

  1. ma che bella famiglia!!!!!!!daphne è sempre più un tuo clone!!!!!

    RispondiElimina
  2. E comunque... aspettando che il pane si cuociA...

    RispondiElimina
  3. Che meraviglia!!! un atmosfera deliziosa!

    RispondiElimina
  4. "Il cielo è sempre più bluuuuuuuuu..."
    é il mio motto preferito!
    Viva Rino Gaetano e grazie di aver condiviso il tuo momento!

    RispondiElimina
  5. Anche noi spesso , prima di cena, chitarra e balli sfrenati in mutande del piccolo! E pure noi spesso(anche) Rino Gaetano!! ;)

    RispondiElimina
  6. Fino a quando ci saranno famiglie così, il cielo sarà davvero "sempre più blu"!

    RispondiElimina
  7. Che bello!!! da noi la chitarra non c'è ma lo stereo acceso con tante canzoni da cantare e ballare sempre! Ma che bello quel gioco in legno!!

    RispondiElimina
  8. Sono immagini che ispirano tanto amore e serenità...
    Per me è quasi sempre una corsa, però spesso mi aiutano ad organizzare la tavola e , a volte , il mio bimbo più grande mi diletta con la sua chitarra(elettrica!)...
    Un caro abbraccio a te e alla tua stupenda famiglia.
    Carolina

    RispondiElimina
  9. Questo post mi dà delle sensazioni familiari... perché anche qui in casa nostra il momento per la chitarra è quasi sempre prima di cena. Di solito, Gian suona e canta e io mi unisco canticchiando mentre preparo da mangiare. Ogni tanto, però, mi siedo anch'io sul divano e canto con le parole giuste, seguendo il canzoniere :)
    Le cantate "alte e malamente" (come le chiama mio papà) accompagnata da chitarra erano una tradizione anche a casa dei miei (mio papà sa suonare) e mi rende così felice poterla portare avanti anche nella mia nuova famiglia... magari un giorno anche noi con i bambini... proprio come voi! :)

    RispondiElimina
  10. che bel post, e che sapore di casa!
    per me purtroppo i precena sono sempre affannatissime corse a preparare duemila cose diverse (e siamo solo in due!!!), più che rino gaetano mi sento houdini!!
    ci rilassiamo solo al momento di apparecchiare, insieme, quando l'apertura/chiusura degli sportelli e dei cassetti, in sincrono in quella cucina minuscola, prende un po' le forme di una danza segreta..

    RispondiElimina
  11. Ma che meraviglia! Trasudate proprio amore :)

    RispondiElimina
  12. mi ricordo quando ero piccola e cantavo canzoni simili con mio babbo.. lui puntava molto su lucio dalla, battisti e de gregori.. ma sono ricordi che i tuoi bimbi non dimenticheranno mai.
    che bella famiglia, un abbraccio di cuore.

    RispondiElimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.