7.12.10

Pane senza fatica.

Questo è un post veloce in cui si parla di me che in preda alla stanchezza e sfinitezza dell'influenza ho deciso di fare un pane che sono ormai anni che voglio provare, ma non mi sono mai decisa. 
Il pane senza impasto, quello mitico, conosciuto via web e approfondito poi su carta, leggendo la storia di Jim Lahey, che arrivato in Italia per studiare l'arte, lavorando in Toscana, si è appassionato invece dell'arte di panificare.
Il pane non va impastato.
500 g di farina con 1 cucchiaino di sale, 350 ml di acqua con dentro 2,5 g di lievito di birra fresco. Tutto in una ciotola, mescolando con le mani o una forchetta, sommariamente, alla buona, senza creare un impasto omogeneo. Coperta la ciotola e facendola rimanere in attesa 18-24 ore (non di meno mi raccomando) si troverà un impasto molliccio 


che metteremo, sempre senza impastare su un ripiano coperto con molta farina. Questo è il momento delle pieghe: prendiamo i 4 lembi dell'impasto e chiudiamoli 2 sotto e 2 sopra, come un pacchettino. Per la sequenza corretta vi lascio a questo video, per chi non lo avesse già visto, illustrata benissimo dallo stesso sig. Lahey.
Il passo successivo è infarinare ben bene un telo dove metteremo il pane a riposare per altre 2 ore con le pieghe in basso. 
Per infornare il tutto prima dobbiamo preoccuparci di scaldare il forno a 230° e la pentola (si la pentola o pirofila che sia) per renderla ben calda e bollente, così possiamo mettere il pane nella pentola rovente con le pieghe in alto. Copriamo con un coperchio ( io ho usato la pellicola di alluminio) e cuociamo per 30-40 min. Scoperchiare e cuocere per altri 15 min.


Quindi riassumendo i momenti faticosi sono:
il primo sommario impasto
le pieghe 
infornare
...si può fare.


E' stato divorato e l'altro è già lì in giacenza in attesa delle sue 18-24 ore e domani è ... un altro pane.

34 commenti:

  1. devo dire sinceramente non conoscevo questa tecnica....e devo dire che mi incuriosisce molto....e poi l'aspetto è così buono!!!!!
    allora buon appetito :)
    a presto CRI

    RispondiElimina
  2. Dovrò provare,assolutamente! Un abbraccio,Ester...ti seguo sempre, raramente commento, ma sei nella mia lista dei preferiti...

    RispondiElimina
  3. Dall'aspetto sembra buono...lo devo provare, visto che anche noi facciamo il pane in casa da un anno!

    RispondiElimina
  4. incredibile, da fare supersubito!

    RispondiElimina
  5. mmmmhhhhmmmm...
    che profumino... da provare!!!!

    RispondiElimina
  6. ciao !! qui trovi gli aghi che cercavi http://www.bimboenatura.it/main/home/prodotti.asp?categoria=23&scat=68) oppure sui piccolissimi; io riuscirei solo nella settimana del 20, a passare da Daelli e mi sa che per te è tardi, avvisami !! che buono questo pane, una volta ho provato anch'io !!

    RispondiElimina
  7. ciao !! qui trovi gli aghi che cercavi http://www.bimboenatura.it/main/home/prodotti.asp?categoria=23&scat=68) oppure sui piccolissimi; io riuscirei solo nella settimana del 20, a passare da Daelli e mi sa che per te è tardi, avvisami !! che buono questo pane, una volta ho provato anch'io !!

    RispondiElimina
  8. Oggi Simone ha fatto un pane al curry davvero buono ma che é lievitato pochissimo, deve aver sbagliato qualcosa con lo lievito, appena abbiamo tempo proviamo questo pane che proponi tu, che ha un'alveolatura spettacolare :-)

    RispondiElimina
  9. Lo farò anch'io, grazie saggia donna!

    RispondiElimina
  10. caspita questa non la sapevo! Adesso mi vado a guardare il video e mi sa che ci voglio proprio provare a fare questo pane. Ti farò sapere il risultato :)

    RispondiElimina
  11. ma è interessantissimo. Lo provo lo provo a fare sicuramente

    RispondiElimina
  12. L'ho provato diverse volte e non mi ha mai deluso. E' una vera rivelazione!

    wenny

    RispondiElimina
  13. voto:10 al pane home made veloce!

    RispondiElimina
  14. Grazie! Pare veramente bellissimo .. ne avevo giá letto qua e lá ma la tua spiegazione é veramente chiarissima.
    Che pentola hai usato?
    Grazie, Laura

    RispondiElimina
  15. ohi ohi ohi questa ci mancava!
    grazie per la segnalazione, e per il tuo blog.

    RispondiElimina
  16. si un vera riscoperta, la pentola che ho usato io è in acciaio, il coperchio un foglio di stagnola, ma va bene in ghisa, o altro materiale che sopporti la temperatura in forno e si possa coprire!

    RispondiElimina
  17. Wow sembra buonissimo dalla foto!
    Ti lascio un'altra ricetta per un pane-senza-fatica e anche senza-attesa perció si puó decidere last minute tipo per ospiti a sorpresa:
    http://buntglas.wordpress.com/2009/12/20/elkebrot-pane-di-elke/

    RispondiElimina
  18. Grazie mille! E scusa ... la pentola quanto dev´essere piú grande rispetto al volume del pane?

    RispondiElimina
  19. Apperò! Dovevo fare il pane giusto oggi... quasi quasi m'hai fatto venire voglia di provare!!! :P
    Ti farò vedere i miei risultati ;)

    RispondiElimina
  20. buono buono buono....ce n'è già in impasto un'altro!

    RispondiElimina
  21. che meraviglia, sembra di sentirne il profumo! ho del lievito di birra in frigo, stasera preparo l'impasto e poi provo a farlo :-)

    RispondiElimina
  22. ho provato questa tua ricetta ieri, e devo dire che il risultato è stato fantastico!

    ciao :)

    RispondiElimina
  23. Ciao, anch'io ho provato a fare questo pane e mentre all'inizio mi veniva una crosta davvero croccante, ora non mi viene più. A te viene croccante? ed è croccante anche dopo alcune ore? Grazie per qualsiasi consiglio tu possa darmi.
    Daniela

    RispondiElimina
  24. ciao daniela,
    spero tu legga il commento, ho provato a cercare la tua email ma non l'ho trovata.
    si a me la crosta è croccante, credo dipenda dal fatto di tenere in forno la pentola prima di metterci il pane dentro. però hai ragione rimane croccante solo il primo giorno, poi diventa più gommosa. In realtà è successo solo un paio di volte dato che la pagnotta non ha mai visto la luce del secondo giorno ;)

    RispondiElimina
  25. questo pane è stato amore a prima lettura. l'ho fatto ieri. metà dose, perché essendo solo io ed il cucciolo credevo sarebbe bastato per un po'... ovviamente mi sbagliavo :-)

    di pane in casa ne ho fatto parecchio (anche la storia delle 4 pieghe la conoscevo già, avevo visto dei video sulla panificazione su youtbe e le pieghe da allora le faccio sempre) ma un risultato così strabiliante non me l'aspettavo proprio!

    io l'ho cotto dentro ad una pentola di coccio con sopra l'alluminio (perché non ho un coperchio che vada in forno!) e l'unica variazione rispetto alla ricetta originale da parte mia è stata quella di dare il cosiddetto colpo di vapore, che avevo letto, serve per rendere la crosta bella croccante. basta mettere una ciotola resistente al calore con dentro dell'acqua all'interno del forno. oppure - ed è quello che ho fatto io nel momento in cui ho aperto il forno per togliere l'alluminio - versare una tazza d'acqua sulla leccarda e richiudere immediatamente.

    beh, io una crosta così non l'avevo mai vista.

    baci e grazie :-)

    RispondiElimina
  26. ma è da provare assolutamente!
    io l'altro giorno ho fatto la pizza senza impasto http://www.paroladilaura.blogspot.it/2012/05/ricetta-pizza-senza-impasto-buona-e.html

    RispondiElimina
  27. ...mi tenti..io che ci litigo sempre con il pane....

    RispondiElimina
  28. Ma e' geniale!!provare provare e poi far sapere io! :-) grazie x la dritta!

    RispondiElimina
  29. Non so se qualcuno possa rispondermi. Ho provato questo pane. Viene perfetto con la crosta e morbido dentro, ma rimane sempre il sapore di lievito Dove sbaglio?Grazie

    RispondiElimina
  30. ilaira,

    usi la giusta quantità di lievito? perchè ne serve veramente pochissimo ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao a tutti io questa ricetta la faccio con la pasta madre,basta metterne circa 70g su questo impasto e viene una bontà fidatevi :-)

      Elimina
    2. grazie Cristian, proverò di sicuro :)

      Elimina

Benvenuto e grazie per esserti fermato e commentare!
Solo parole educate e civili...si, parlo proprio con te che vuoi disturbare e di solito non ti firmi.